Indice glicemico e glicemia

L’indice glicemico è la capacità di un alimento di alzare la glicemia.

Alla glicemia indotta da 50 grammi di glucosio puro, si attribuisce l’indice 100.

L’indice glicemico di un alimento indica la velocità con cui aumenta la glicemia in seguito all’assunzione di 50 g dell’alimento.

I carboidrati con altissimo indice glicemico hanno un fattore di trasferimento superiore a 100, quelli con alto indice glicemico sono superiori 60, quelli ad indice glicemico moderato sono tra i 40 e i 60, quelli ad indice glicemico basso sono sotto i 40.

Un indice glicemico alto da un forte aumento di glicemia a cui segue un incremento di insulina e successivo deposizione dei trigliceridi sul tessuto adiposo.

Altro fattore importante è il carico glicemico che è dato dal prodotto dell’indice glicemico dell’alimento per la quantità di carboidrati contenuti nell’alimento stesso. Questo dato è importante proprio per il fatto che alimenti con indice glicemico alto possono avere un carico glicemico relativamente basso se il loro contenuto di carboidrati è trascurabile. I concetti di indice e carico glicemico sono particolarmente importanti in patologie quali il diabete.

Il concetto di indice glicemico è fondamentale per i diabetici, ma è importante anche per gli atleti e le persone a dieta in quanto hanno la necessità di distinguere i carboidrati lenti da quelli veloci e calcolare il carico glicemico che ogni alimento apporta.

Tabella degli indici glicemici, prodotta da www.pforster.ch e protetta dalla GFDL Gnu Free Documentation License